Aprile 2010

30 aprile

Piemonte: Rosso, La Regione pronta ad anticipare cig per Agile e Phonemedia

Torino, 30 apr. - (Adnkronos) - La Regione Piemonte e' pronta ad anticipare la cassa integrazione per i lavoratori di Agile e Phonemedia. Lo ha annunciato l'assessore al Lavoro Roberto Rosso sottolineando che la Regione anticipera' le risorse necessarie in accordo con l'Inps.
In particolare, ai lavoratori di Agile la giunta regionale garantira' l'anticipo di cassa integrazione straordinaria, autorizzata lo scorso 20 aprile dal ministero del Lavoro, attraverso l'Agenzia Piemonte Lavoro. Per gli oltre 1500 addetti di Phonemedia occupati nelle sedi Trino Vercellese, Ivrea, Gaglianico e Novara, la Regione anticipera' 600 euro mensili.

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Nella mattinata tre le ore 10,50 e le 11,00 andrà in onda su Radio 3 la trasmissione chiodo fisso, in cui si parlerà della nostra vicenda aziendale.


29 aprile

Assemblea presso la sede del Piero della Francesca alle ore 14, con la presenza dell'avv. Poli.

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Lavoratori dell'ex Eutelia senza stipendio: in arrivo tremila euro dalla Regione

ROMA - Tremila euro ai 220 lavoratori dell’Agile (ex Eutelia) del Lazio, un acconto sulla cassa integrazione. È questo uno dei primi atti della nuova giunta Polverini: l’assessore regionale al Lavoro, Mariella Zezza, ha siglato ieri un verbale di accordo con le organizzazioni sindacali Fim Fiom Uilm e Ugl Metalmeccanici. I lavoratori tirano un sospiro di sollievo: «Da mesi siamo senza stipendio – spiega Paolo –ma per fortuna io ho una moglie che lavora. Questo significa che un piatto di pasta ce l’ho sempre assicurato, mentre ci sono colleghi che riescono a tirare avanti solo grazie alla pensione dei genitori. Ora dobbiamo capire quando arriverà la vera cassa integrazione: noi aspettiamo finalmente l’intervento del governo».

SALTI MORTALI – I lavoratori più colpiti sono quelli monoreddito. «Venti anni che lavoro ed è mortificante, svilente quando devi chiedere a tua madre che ha 74 anni i soldi per andare dal medico o anche solo per un caffè al bar. Niente pizza, niente pub, niente shopping. Non vado al cinema da settembre dello scorso anno» confessa al telefono Giulia (nome di fantasia) ex dipendente Agile (ex Eutelia) di 43 anni. Da luglio scorso lo stipendio arriva a singhiozzo e da novembre i rubinetti si sono definitivamente chiusi. Le privazioni di questi mesi non hanno, però tolto la dignità ai lavoratori: «Io ho un mutuo e sono monoreddito – confessa Giulia - sto facendo i salti mortali. Rinuncio alle cose più stupide. Al supermercato guardo sempre e solo le offerte. La mia situazione è così precaria che per due volte mi hanno concesso il sostegno del fondo comune che abbiamo fatto noi lavoratori. Una sorta di cassa integrazione autogestita per le emergenze. E se ti capita un imprevisto, come un accertamento medico, devo chiedere i soldi a mia mamma. Da poco ho dovuto fare un esame importante e ho dovuto battere cassa come quando ero ragazzina. Questa non è vita». Cosa farà con i soldi in arrivo? «Serviranno per coprire le rate del mutuo e per le bollette. Poi ci sono le spese correnti. Di certo questi soldi saranno una boccata d’aria, ma quando torneremo finalmente alla normalità?» si chiede Giulia.

L’ACCORDO - L'accordo raggiunto in Regione prevede sia una accelerazione dell'erogazione della cassa integrazione guadagni straordinaria (Cigs) da parte dell'Inps, sia l'attivazione da parte della società regionale Unionfidi di un canale parallelo che consenta il pagamento ai lavoratori a fronte di eventuali ritardi dell'Inps. «La giunta regionale - dichiara l'assessore Zezza - ha avviato due diverse procedure che consentiranno ai lavoratori Agile, in tempi brevissimi, di percepire l'anticipazione della Cigs. Un fatto concreto che dimostra l'attenzione di questa amministrazione nei confronti dell'occupazione».

Carlotta De Leo


28 aprile

Eutelia: autorizzato sequestro conservativo di azienda e ipoteca su beni immobili

(Teleborsa) - Roma, 28 apr - Facendo seguito a quanto comunicato in data 29 marzo 2010, Eutelia ha informato ieri sera attraverso un comunicato di aver ricevuto, da parte della Commissione Tributaria Provinciale di Firenze, comunicazione relativa all'accoglimento, da parte della stessa Commissione, dell'istanza di autorizzazione all'adozione di misure cautelari presentata dalla Direzione Regionale delle Entrate della Toscana in relazione ad irregolarità fiscali asseritamente rilevate nel processo verbale di constatazione notificato alla Società il 3 luglio 2008, per un importo complessivo di euro 12 mln, oltre sanzioni.
La Commissione ha autorizzato pertanto la Direzione Regionale delle Entrate della Toscana al sequestro conservativo d'azienda e all'iscrizione di ipoteca sui beni immobili di proprietà di Eutelia, provvedimenti non ancora eseguiti, pendenti tuttora trattative con l'Erario per la definizione bonaria della controversia.
Se evidenzia peraltro che la Società, come riportato nella relazione al progetto di bilancio 2009 approvato il 20 aprile u.s., in considerazione del procedimento di accertamento con adesione con l'Erario finalizzato alla definizione bonaria di tutte le pendenze derivanti dal suddetto processo verbale di constatazione del 3 luglio 2008, ha provveduto ad accantonare a fondo rischi la stima del costo ritenuto probabile per l'adesione.
Anche nel piano finanziario gli amministratori prevedono di poter raggiungere un accordo con l'amministrazione finanziaria per pervenire all'adesione ed alla rateizzazione della passività connessa.
Eutelia comunicherà tempestivamente al mercato eventuali ulteriori sviluppi della vicenda.

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Ecco la Casta: la maggioranza vota no ai soldi per i lavoratori

Eccola qui la Casta, nel senso più deteriore del termine. Martedì pomeriggio, Camera dei deputati. Aula piena, si votano «misure straordinarie per il sostegno del reddito e la tutela di determinate categorie di lavoratori». Il gruppo Omega, ad esempio, quello che comprende i dipendenti dell’ex Eutelia: migliaia di lavoratori da mesi senza stipendio, e senza neppure la cassa integrazione. E invece niente, il centrodestra ha detto no. Niente soldi per i lavoratori, che a gennaio avevano fatto un sit-in bloccando per ore via del Corso, davanti a palazzo Chigi, e ricevendo vaghe promesse.
Tavoli su tavoli, ma neanche una lira. Tutti rossi, ieri pomeriggio, i pulsanti sui banchi del centrodestra: 261 no, tra chi leggeva le pagine sportive dei giornali, chi stava al cellulare, chi rideva e chiacchierava in capannelli. No anche all’allungamento della cassa integrazione ordinaria da 12 a 18 mesi, per dare fiato alle aziende in crisi: altri 261 no, senza una crepa tra i banchi della maggioranza, niente finiani dissidenti stavolta. Erano i due emendamenti che il Pd aveva portato in aula (si è riusciti a votarli solo dopo che Fini ha accolto la richiesta di Franceschini, la maggioranza avrebbe voluto insabbiare la legge in Commissione) per salvare le due proposte, che fino alla settimana scorsa erano state pazientemente cucite riuscendo ad avere l’ok del centrodestra. Poi il dietrofront: «Non ci sono le coperture», hanno spiegato i berluscones, su mandato di Sacconi e Tremonti. «Falso», secondo i democratici, che hanno proposto di mettere mano «al fondo per gli straordinari, che è dormiente, visto che da quando è iniziata la crisi non se ne fanno più», come ha spiegato Cesare Damiano. «Si poteva anche tassare del 2% i redditi sopra i 200mila euro».
BERSANI: UNA VERGOGNA «Una vergogna, davvero scandaloso che il governo si arrampichi sui vetri per non dare risposte vere a chi ha ammortizzatori in scadenza e chi è da tempo senza protezione», dice Bersani, in aula come tutti i big del Pd. E Franceschini: «Quando sono nei loro territori chiedono interventi per i lavoratori, poi vengono qui e votano contro...». Sui banchi del governo il sottosegretario al Welfare Viespoli, che sulla cig rimanda alla «riforma organica» e sull’Eutelia dice: «Da tempo è aperto un tavolo a palazzo Chigi...». «E cosa mangia la gente, i tavoli?», gli risponde Bersani. Mentre Fabrizio Potetti, che segue la vicenda per la Fiom, spiega: «Da gennaio il tavolo non è più stato convocato, almeno 1200 persone sono senza stipendio da novembre e per avere materialmente in tasca la cassa integrazione passeranno altri mesi. Quella norma poteva dare un po’ di sollievo». Poteva, appunto, ma il centrodestra ha detto no. Non sono serviti i numerosi appelli dai banchi delle opposizioni (unitissime, in questa occasione), dal moderato Udc Delfino («Altro che tavoli, il governo dovrebbe aprire i cordoni della borsa)», fino a Barbato dell’Idv che ha parlato di un «governo da rincorrere in piazza con i forconi». Nel mezzo tanti deputati Pd, tutti a ricordare i mutui di quelle famiglie che non arrivano a fine mese, a chiedere alla maggioranza «un gesto di civiltà».
L’IMBARAZZO DEI LEGHISTI In imbarazzo il relatore Cazzola (Pdl), che aveva lavorato all’intesa col Pd e poi si è rimesso in riga: «Mi assumo la mia parte di responsabilità». E anche i leghisti, tanto che il governatore e capogruppo Cota, dice Bersani, «è uscito è dall’aula al momento del voto sull’Eutelia». E replica piccato al leader Pd: «Stia zitto, entro lunedì saremo in grado come Regione Piemonte di provvedere con la cassa integrazione in deroga per Eutelia». E Sacconi: «Tutto un problema creato sul nulla, trovatemi un solo cassintegrato che avrà danni da questa norma».


27 aprile

Nell'ambito di "Frittura Mista" la trasmissione condotta da Benni su Radio Balkout, alle ore 19,30 fino alle 21,30. Si parlerà di Agile/exEutelia, Phonemedia e Voicity, sia dallo studio che con collegamenti esterni. In studio, Marco e Patrizia di Agile, Damiano di Omnia-Voicity e un lavoratore di Phonemedia. Collegamenti esterni: Emanuele dalla sede Agile di Bari, Claudio dalla sede fantasma Agile di Napoli, Piera da Voicity di Milano e un lavoratore da Phonemedia di Gaglianico. Modera e conduce Alberto di Comdata.
Radio Blackout la potete ascoltare sulla frequanza di 105.250 FM. oppure in streaming (per chi uno pò distante da Torino) all'url http://radioblackout.org/streaming/


26 aprile

AGILE ex-EUTELIA: ESITO INSODDISFACENTE DELL'INTERPELLANZA SULLA SOSPENSIONE DEI LAVORATORI DISTACCATI PRESSO IL COMUNE DI TORINO

Si è tenuta oggi in Consiglio Comunale a Torino l'interpellanza voluta dal Gruppo Consiliare di Rifondazione Comunista (consiglieri Silvestrini, Ferrante e Cassano) in merito alla vicenda dei lavoratori Agile ex-Eutelia impiegati sino allo scorso febbraio presso il Comune di Torino.
La risposta fornita da parte di Tom Dealessandri, assessore al lavoro nonché vicesindaco, è stata accolta  con viva preoccupazione sia dai lavoratorie che da parte dei Consiglieri interpellanti.

A distanza di mesi le speranze dei lavoratori sono state disattese e, ancora una volta, le Istituzioni si sono dimostrate latitanti nei confronti dell'azienda. Anche il Comune deve essere quindi ritenuto responsabile della situazione nella quale si trovano i lavoratori, oggi praticamente privi di commesse.


"Ci aspettavamo una presa di posizione più netta - ha detto Roberto Valerio, RSU di Torino - che avrebbe potuto contribuire ad agevolare il lavoro dei commissari in prospettiva di rilancio dell'azienda, ad oggi seriamente in difficoltà e pericolosamente avviata verso il fallimento, mentre dobbiamo purtroppo registrare l'ennesima manifestazione di impotenza da parte delle istituzioni quando si tratta di entrare nel concreto delle assunzioni di responsabilità a favore dei lavoratori".

Prosegue quindi la scabrosa vicenda Agile ex-Eutelia che interessa, sul territorio provinciale, circa trecento lavoratori qualificati; ricordiamo che, nonostante l'assenza del pagamento degli stipendi, sino alla risoluzione del contratto una dozzina di lavoratori erano stati costantemente impiegati presso il presidio Comunale. Anche per loro, adesso, avanza la prospettiva di disoccupazione.

Le lavoratrici e i lavoratori Agile/exEutelia della sede di Torino

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

Phonemedia: commissariata Raf, altra società gruppo

Il Tribunale di Novara ha deciso oggi l’amministrazione controllata della Raf, società del gruppo Phonemedia che insieme ad Agile è controllata da Omega. Lo annuncia una nota della segreteria nazionale Slc/Cgil.

“Con questa decisione – prosegue la nota - sono già più di 2000 i lavoratori del perimetro Phonemedia a vedere riconosciuto il loro diritto all’amministrazione straordinaria delle società e a trovare riscontro istituzionale nella richiesta di allontanamento della vecchia proprietà (altre due società del gruppo sono in regime di commissariamento, Soft4Web e Multimedia Planet)”.

“È ora cruciale riconvocare il tavolo a Palazzo Chigi perché il prossimo passaggio è riportare il lavoro nelle aziende del gruppo Phonemedia", conclude la Slc Cgil.

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

E' strano il fatto che nonostante l'amministrazione controllata sia stata abrogata con D.Lgs. 5/2006 (link) per questo giornalista il Tribunale di Novara abbia deciso l'amministrazione controllata di Raf. Che il Tribunale di Novara non lo sappia?


25 aprile

Partecipazione dei lavoratori Agile/exEutelia alle celebrazioni del 25 aprile in Borgo San Paolo. Un ringraziamento ai compagni del Centro Sociale Gabrio per il supporto fornitoci. A breve le foto.


21 aprile

 SONO ARRIVATI I COMMISSARI MA...

 

...NON VORREI RIDURMI COSI' MENTRE ASPETTO GLI STIPENDI E LA CASSA INTEGRAZIONE!!

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Il servizio al TG3R

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

AGILE-EX EUTELIA: GIUDICE ACCOGLIE RICHIESTA COMMISSARIAMENTO

(ASCA) - Torino, 20 apr - I giudici del Tribunale Fallimentare di Roma hanno accolto la richiesta di commissariamento dell'azienda rigettando la proposta di concordato avanzata da parte degli avvocati di Agile. Ne da' notizia una nota del coordinamento lavoratori Agile-ex Eutelia.

''Viva soddisfazione da parte dei lavoratori di Torino ed Ivrea - e' scritto nel comunicato -, da mesi privati dello stipendio e impegnati fin dallo scorso novembre in un presidio permanente delle sedi che non ha mai influito sulla situazione lavorativa garantendo la totale assistenza ai clienti della societa'. Un comportamento esemplare quello dei lavoratori ex-Eutelia, che hanno dato vita a una nuova forma di protesta caratterizzata sempre da civilta' e organizzazione''.

com-eg/sam/rob

 

Ore 14 presso la sede di Torino assemblea per discussione in merito alla sentenza.


20 aprile

Ore 14 presso la sede di Torino assemblea per comunicazioni e decisioni in merito alla sentenza.


19 aprile

E-MAIL - Manuli, la storia si ripete...

di STEFANIA - Gentile direttore, sono un ex dipendente Agile ex Eutelia praticamente sospeso, ho letto l'articolo che riguarda i licenziamenti di 85 lavoratori nello stabilimento di Pozzilli.
 
E' vergognoso che in un paese civile come il nostro si continui il massacro dei lavoratori a suon di licenziamenti.  er quanto riguarda il riferimento al nostro caso ("Del resto le recenti esperienze  come Alcoa, INNSE, Eutelia ed altre, insegnano che per avere la speranza di strappare risultati in difesa del lavoro.... ") ringrazio la redazione per averci citato, ma vorrei anche darvi un suggerimento, venite a vedere che fine abbiamo fatto ed a che cosa sono serviti mesi di occupazione.
Per quello che mi riguarda non credo di essere un valido esempio per altri  lavoratori.

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Ddl Cig/ Damiano: Tassa redditi oltre 200mila euro per cig 24 mesi

Roma, 19 apr. (Apcom) - Una "riduzione della tassazione dei contratti di produttività e l'introduzione di un contributo fiscale di solidarietà sui redditi superiori a 200mila euro annui" per allungare la cassa integrazione guadagni ordinaria da un anno a due anni e per coprire il pagamento delle mensilità dei lavoratori come i dipendenti di Agile (ex Eutelia). Lo proporrà il Pd, secondo quanto annunciato da Cesare Damiano nell'Aula della Camera, in un emendamento al testo unico sul lavoro che conteneva l'allungamento della Cigo da un anno a un anno e mezzo e le misure di garanzia per i lavoratori di Agile (interventi entrambi stralciati dal provvedimento in seguito alla bocciatura della Rgs).

"Sulla parte di reddito che eccede i 200mila euro l'anno ci sarà un contributo - ha spiegato Damiano - che porta l'aliquota dal 43% al 45%". Un'altra parte delle risorse arriverà invece dall'utilizzo di una "quota del fondo" dei contratti di produttività. Si tratterebbe di una misura per il biennio 2010-2011.

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Comunicato Fiom Nazionale

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Ex Eutelia: domani la sentenza

Dopo diversi rinvii, venerdì scorso il Tribunale Fallimentare di Roma ha ricevuto e accolto le carte presentate dai legali di Agile/Omega relative alla proposta di concordato che di fatto ha finora bloccato l'iter di commissariamento dell'ex ramo IT di Eutelia, commissariamento richiesto dai legali delle rappresentanze sociali e dei lavoratori.
La sentenza è attesa per domani, martedì 20 aprile.
I lavoratori dell'ex Eutelia proseguiranno nel frattempo il sit-in davanti al Tribunale in attesa del giudizio finale.
Ricordiamo che quest'ultimi, da mesi senza stipendio, sono contrari al concordato richiesto, che prevede l'affitto della società a Italcontact Srl, iscritta alla Camera di Commercio soltanto lo scorso 31 marzo, anche perché i legali di Agile/Omega avrebbero proposto un consorzio di fidi che però risulterebbe indagato per riciclaggio di denaro. (sm)


15 aprile

Presidio Agile ex-Eutelia a Torino: Cota intervenga nella doppia veste di Presidente della Regione e capogruppo della Lega Nord alla Camera

Stamattina ho portato la mia solidarietà al presidio dei lavoratori Agile ex-Eutelia davanti al Tribunale di Torino.
Ricordo che i tre Custodi Giudiziari nominati dal Tribunale al momento sono incapacitati ad assicurare anche la gestione ordinaria dell'azienda, incluso il pagamento delle spettanze. I lavoratori ormai non ricevono alcuna retribuzione da quasi 6 mesi, e non solo vedono azzerarsi la speranza di una qualunque ripresa lavorativa, ma sono sconcertati che quella che fino a pochi anni fa era una delle più significative realtà informatiche italiane sia ridotta a niente più che una preda da spartire.
La politica intervenga finalmente in modo efficace su questa realtà. Chi meglio del Presidente Cota può mettere in campo un'azione concreta?
Nel suo programma leggo: "...Il nuovo Governo regionale, in stretta correlazione e sinergia con il Governo centrale e con le aree limitrofe e in cooperazione con tutti gli organismi istituzionali e le Associazioni di Rappresentanza, indirizzerà ogni sforzo e ogni risorsa per creare le condizioni per salvaguardare l'occupazione, per reintegrare i cassa integrati e per creare nuova occupazione...."
Attualmente nel suo ruolo di neo Presidente del Piemonte e capogruppo della Lega Nord alla Camera  può garantire quella sinergia necessaria a risolvere il caso Agile ex-Eutelia, che ha pesanti implicazioni lavorative sul territorio da lui governato.

Monica Cerutti,  Consigliera Regionale Sinistra Ecologia Libertà con Vendola


14 aprile

Ddl Cig/ Ok commissione Lavoro senza Cig e norme Agile

Roma, 14 apr. (Apcom) - La commissione Lavoro di Montecitorio ha approvato, a maggioranza, il testo unificato con le misure straordinarie per il sostegno al reddito e per la tutela di determinate categorie di lavoratori. Dal provvedimento però sono stati soppressi l'articolo 3 che prevedeva l'allungamento della Cig ordinaria da un anno ad un anno e mezzo e l'articolo 1 che puntava a tutelare i lavoratori di imprese insolventi, come Agile. L'opposizione ha votato contro. La commissione ha dato inoltre mandato al relatore, Giuliano Cazzola, a riferire in Aula dove l'approdo del ddl è previsto per lunedì prossimo. "Il testo - ha spiegato il sottosegretario al Welfare Pasquale Viezzoli - è stato approvato in conformità al parere della Bilancio", che oggi aveva appunto dato un parere favorevole vincolato alla soppressione di queste due norme (che secondo la Ragioneria generale dello Stato non hanno copertura adeguata).


9 aprile

Il servizio al TG3 Regionale  sull'incontro con l'on. Esposito del PD.


8 aprile

Sembra che l'appello lanciato dai colleghi romani "La magistratura faccia prevalere la giustizia sulla frode" sia stato disatteso proprio da coloro in cui avevamo posto la nostra fiducia. Mi sorge spontanea una domanda, era necessario delegare tutte le nostre speranza alla magistratura, senza una adeguata mobilitazione a tutto campo da parte nostra?

Bisogna rilanciare subito delle iniziative sul territorio, proprio perchè la disperazione non abbia il sopravento!

DOBBIAMO MASCHERARCI PER FAR VALERE I NOSTRI DIRITTI?

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

ROMA - È durato più del previsto stamattina il sit in dei lavoratori Eutelia/Agile sotto la sede del Tribunale Fallimentare di Roma, sciolto, nel finale, a seguito dell’ennesimo rinvio. La sentenza, infatti, arriverà tra una settimana. Nel frattempo i legali dell’azienda avranno tempo per raccogliere tutte le carte necessarie relative alla proposta di concordato presentata. Lo slittamento è dovuto, infatti, alla mancanza di documenti nella domanda, sebbene fosse stata data per certa l’impossibilità di ulteriori rinvii.

“Per me oggi è passato il concordato”, così ha commentato un lavoratore Eutelia l’ulteriore rimando a cui ha assistito oggi. La sensazione diffusa è che si stia facendo di tutto per far passare il concordato non voluto dai dipendenti. Se il concordato davvero trovasse attuazione, secondo i lavoratori ci si ritroverebbe con “un’azienda profondamente impoverita, con una sospensione di circa 1100 lavoratori senza ammortizzatori sociali”. (link)

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
"Il Tribunale Civile di Roma, sezione Fallimentare ha rinviato ancora una volta la sentenza riguardo il commissariamento di Agile. La prossima udienza è prevista per il 14 aprile.
Secondo i lavoratori, l'azienda oramai, è ridotta ad una nave che sta affondando, senza guida e con un equipaggio affamato e senza speranze. Questo ritado potrebbe spingere i pochi clienti rimasti a rescindere i contratti ancora in essere. In questo caso l'azienda si svuoterebbe e morirebbe di morte naturale.

E, intanto, mentre i giudici prendono tempo e l'azienda presenta un concordato preventivo avallato da una finanziaria indagata per riciclaggio, i lavoratori continuano a lavorare senza stipendio (da 5 mesi), nel tentativo di salvaguardare il loro posto di lavoro.

La disperazione, però, sta prendendo il sopravvento sulla speranza.

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

ROMA - Dura da stamattina alle 11:00 il sit in dei lavoratori Eutelia/Agile sotto la sede del Tribunale Fallimentare di Roma. Sono in attesa di conoscere le sorti del loro futuro lavorativo. La proposta avanzata dall’azienda è quella di un concordato che permetterebbe di mantenere la proprietà, mentre i lavoratori sperano nel commissariamento per non rischiare il posto di lavoro. La sentenza del Tribunale potrebbe, però, slittare ulteriormente (dopo il posticipo di ieri) alla mattinata di domani. (link)


7 aprile

Rinviata la decisione definitiva sullo stato di insolvenza di Agile, in quanto mancava un giudice del collegio giudicante. La decisione è stata rinviata domani alle ore 11.00 sperando che i tutti i giudici siano presenti e non si perdano durante il tragitto o non rimangano chiusi in un concessionario Ford.

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

LA MAGISTRATURA FACCIA PREVALERE LA GIUSTIZIA SULLA FRODE

La vertenza Agile/Eutelia è arrivata all’epilogo, almeno dal punto di vista della legge.

Oggi la decisione del tribunale fallimentare, nel caso accettasse l’iniqua e fasulla proposta di concordato preventivo presentata dall’azienda, non renderà giustizia alla lotta che i lavoratori conducono da cinque mesi.

Cinque mesi lunghi ma pieni di iniziative che ci hanno visto lottare a fianco di tutti quei lavoratori che reclamano un diritto sacrosanto: il lavoro.

La nostra poi è una vicenda tutta particolare, all’interno della crisi più generale che sta vivendo il nostro paese.

 

 

NOI SIAMO STATI DEFRAUDATI DI UN LAVORO CHE AVEVAMO.

La nostra società, prima con Eutelia poi con la vendita ad Omega, è stata consapevolmente portata sull’orlo del fallimento.

Una squallida operazione speculativa-finanziaria sta tentando di rendere appetibile al mercato Eutelia buttando al macero 1800 lavoratori.

L’amministrazione straordinaria è un primo tassello per impedire questo piano scellerato.

 

NO al concordato

SI al commisariamento di Agile

Roma 7 aprile 2010                                                                                              RSU –FIOM Agile Roma

 


1 aprile

 

L'Assemblea dei lavoratori di Torino ha deciso la continuazione del presidio anche durante il periodo pasquale. (il comunicato)

 


La lotta di classe non và in ferie (c.p.)

Il servizio al TG3R sull'assemblea.

Ultima ora:

Questa mattina alle 9, intervento di Marco Tracinà, in diretta telefonica, nel corso della trasmissione Aria Pulita - in onda sul circuito 7Gold - in risposta alle opinioni del Sen. Mantica sull'articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori.
Il sen. Mantica, all'oscuro della vertenza, ha espresso un giudizio assolutamente negativo sulle operazioni di licenziamento collettivo camuffate da ristrutturazione aziendale come quella in atto nella società Agile nella quale Eutelia, società aretina di Telecomunicazioni e Information Technology, ha scaricato circa 2000 lavoratori assunti con contratto a tempo indeterminato e regolarmente impegnati nelle attività lavorative svolte in sede o presso clienti tra cui, ricordiamo, Camera dei Deputati, Poste Italiane, Intesa-SanPaolo, RAI, Ministero degli Interni, FIAT.
Il comportamento chiaratamente criminale della direzione di Agile, che dopo mesi di mancato pagamento dello stipendio ai lavoratori è stata sottoposta a Custodia Giudiziale per espressa volontà degli stessi lavoratori, ha portato in meno di un anno all'azzeramento di commesse del valore di oltre 250 milioni di euro. Il sen. Mantica ha convenuto che il caso Agile ex-Eutelia non è collegabile a nessuna crisi ma frutto di una chiara operazione dolosa a danno dei lavoratori.

 

 SOSTEGNO AL PRESIDIO DEI  LAVORATORI AGILE
ex EUTELIA DI TORINO

Conto corrente intestato a
Cassetta Giuliana e Mairone Paolo

Banca Nazionale del Lavoro

Agenzia 8 TORINO

Codice IBAN
IT26 R010 0501 0080 0000 0011 242

SOTTOSCRIVI!